Il sito dei comboniani in Italia

La missione come unico orizzonte

L'Africa è l'ispirazione originale

Impegno per la promozione umana, la giustizia e la pace

Intercultura, dialogo, integrazione

Apertura al futuro senza mai rinnegare il passato

Appello dei missionari in Italia in vista delle elezioni europee

Inclusiva, lungimirante, sostenibile. Ecco l’Europa che vogliamo.

 

In occasione delle elezioni del 26 maggio per il rinnovamento del parlamento dell’Unione europea, noi missionari cattolici di diverse famiglie e provenienze che facciamo parte della CIMI (Conferenza degli Istituti Missionari Italiani) e che siamo presenti nel sud e nel nord del mondo vogliamo condividere il nostro sogno e le nostre preoccupazioni sull’Europa, a fianco delle vittime dell’umanità ferita a causa dell’attuale sistema economico-finanziario che uccide creature e creato.

Auspichiamo innanzitutto che l’Europa riconosca il contributo della comunità degli immigrati sul piano economico, sociale, culturale e religioso. Gli immigrati sono portatori di diversità che non è una minaccia all’unità ma un arricchimento per la società e una opportunità di crescita per tutti sulla base dei valori condivisi nel rispetto dei diritti umani, delle regole democratiche, nello spirito di fratellanza e solidarietà.

 

L’immigrazione di giovani uomini e donne, sebbene costituisca un impoverimento per i loro paesi di origine, è per noi una risorsa necessaria per rinnovare il continente europeo in fase di decrescita demografica con tassi di natalità sempre più bassi e con un aumento della popolazione anziana. Per mantenere costante la popolazione attiva, l’Europa ha bisogno di 7 milioni di lavoratori stranieri nei prossimi venti anni. L’Italia, per lo stesso periodo, dovrebbe accoglierne 325mila in età di lavoro.

Siamo fortemente preoccupati per la deriva sovranista che si sta diffondendo un po’ ovunque in Europa e che, nella sua retorica populista, guarda agli immigrati soltanto come un pericolo per la sicurezza e una minaccia ai privilegi acquisiti, alimentando sentimenti xenofobi e di ostilità verso gli stranieri, soprattutto quelli di origine africana.

Siamo altresì preoccupati per l’assenza di empatia e l’indifferenza che percepiamo in Europa, anche tra non pochi cristiani, verso le sofferenze e le situazioni di gravi difficoltà in cui vivono molti fratelli e sorelle in tanti paesi del sud del mondo.

Riteniamo perciò inaccettabile la politica dei porti chiusi adottata dal governo italiano che impedisce a profughi in fuga da guerre, fame e persecuzioni e a migranti in cerca di opportunità di lavoro di trovare rifugio nel nostro paese. Siamo preoccupati ancora di più per la sorte di decine di migliaia di immigrati rinchiusi nei famigerati centri di raccolta in Libia dove le loro condizioni di vita sono ulteriormente peggiorate a seguito della guerra civile scoppiata recentemente. L’Italia e l’Unione europea si mobilitino per realizzare corridori umanitari che garantiscano il loro trasferimento in paesi dove ci sia pace e condizioni di vita migliore.

Riteniamo iniquo, immorale e contrario alle convenzioni internazionali l’ostruzionismo applicato dal governo italiano nei confronti di organizzazioni non governative che con le loro navi cercano di prestare soccorso in mare ai naufraghi. A causa di questo boicottaggio tanti nostri fratelli e sorelle profughi sono morti annegati e continueranno a morire per omissione di soccorso. La guardia costiera libica, sostenuta dal governo italiano, spesso non interviene per salvare in mare quanti sono in pericolo e, quando interviene, riportano indietro i profughi nei lager libici dove uomini, donne e bambini sono sottoposti a torture, violenze e privazioni di ogni tipo.

Inoltre, disapproviamo il decreto Sicurezza e immigrazione del governo che equipara la questione immigrazione a un problema di sicurezza, abolisce di fatto la protezione umanitaria per la concessione del diritto di asilo, smantella gli Sprar (Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati) e di conseguenza lascia per strada migliaia di migranti trasformati in clandestini.

Chiediamo che l’Italia aderisca al Patto globale per una migrazione sicura, ordinata e regolare (Global Compact), firmato da 164 paesi in sede Nazioni Unite a Marrakech (Marocco) il 10 dicembre 2018. È un testo quadro non vincolante volto a regolare le migrazioni internazionali a vantaggio sia dei paesi di arrivo sia dei paesi di partenza, nonché degli stessi migranti.

L’Europa che si appresta a votare il nuovo parlamento affronti con urgenza e lungimiranza l’emergenza clima e la gravissima crisi socio-ambientale a livello planetario. È necessaria e urgente una conversione ecologica. Lo dobbiamo alle giovani generazioni e a quelle future che rischiano di trovare un pianeta devastato perché noi, generazione adulta, non lo abbiamo saputo custodire. Il pianeta si va surriscaldando sempre di più ed è imperativo che l’Europa difenda il trattato Cop 21 di Parigi nel 2015 per contenere le emissioni dei gas serra e l’incremento della temperatura, e si impegni sempre più a fondo nella riduzione dei rifiuti e dell’inquinamento.

I nuovi eletti al Parlamento di Strasburgo ascoltino le proteste silenziose e pacifiche dei giovani che, sollecitati dall’esempio di Greta Thumberg, stanno dicendo a governi e istituzioni internazionali che il tempo delle chiacchiere è finito ed è ora di passare ai fatti per evitare la catastrofe.

La conversione ecologica è dovuta anche ai paesi più poveri del mondo che, sebbene contribuiscano in maniera minima al surriscaldamento del pianeta, pagano il prezzo più alto dei cambiamenti climatici. Le popolazioni di questi paesi si trovano più sprovviste di mezzi e competenze nell’affrontare i danni di prolungati periodi di siccità e devastanti alluvioni e cicloni.

Il nuovo parlamento europeo che uscirà dalle prossime elezioni si impegni con determinazione nel perseguire la transizione dalla produzione energetica basata sulla combustione di fossili alla produzione di energie pulite e rinnovabili.

L’Europa che ha fatto alcuni passi significativi per la riduzione di emissioni di gas a effetto serra metta in atto politiche che premiano esempi virtuosi che utilizzano energia pulita e sanzionino pratiche che continuano a inquinare e accrescono il tasso di emissioni nocive nell’atmosfera.

 

8 maggio 2019

 

Padre Michelangelo Pirovano

Coordinatore CIMI

 

Fratel Antonio Soffientini

Responsabile della Commissione Giustizia, pace e integrità del creato della CIMI

 

P. Giulio Albanese lavora nel settore di comunicazione della CEI. È voce autorevole del mondo missionario nei mezzi di comunicazione. E’ autore di diversi libri. Entra nel suo blog.

P. Giulio Albanese

P. Ottavio Raimondo è animatore missionario a Troia/FG. Lavora in Puglia nella formazione alla mondialità. Offre spunti giornalieri sulla Parola

P. Ottavio Raimondo

P. Manuel João si occupa di temi di formazione permanente in italiano, inglese, spagnolo, francese e portoghese. Il suo è uno sguardo missionario sul mondo. Entra nel suo Blog.

P. Manuel João

P. Alex Zanotelli segue i principali movimenti alternativi della società italiana. E’ impegnato nella lotta alla povertà, alle mafie e a favore della pace. Vive a Napoli. Entra nel suo Blog

P. Alex Zanotelli

P. Filippo Ivardi ha lavorato per quasi 10 anni in Ciad, in percorsi di dialogo interreligioso con il mondo musulmano. È direttore di Nigrizia. Entra nel suo Blog

P. Filippo Ivardi

Alex Zanotelli e Mimmo Lucano a Verona

Il 5 febbraio, nella chiesa di San Nicolò all’Arena, più di mille persone hanno partecipato con vivo interesse alla conferenza tenuta da p. Alex Zanotelli e Mimmo Lucano, sindaco di Riace, sul tema dell’immigrazione. Qui, a fianco, gli interventi.

A causa della limitata capienza del locale, moltissime persone non sono riuscite a entrare. Un bel segno per Verona. La città non è insensibile al tema degli immigrati.

Corte UE: no ai rimpatri rifugiati

BRUXELLES - In base al diritto europeo, un rifugiato in fuga da un Paese in cui rischia la tortura o altri trattamenti inumani vietati dalla Convenzione di Ginevra non può essere rimpatriato o respinto nel sopracitato Paese anche se lo status di rifugiato gli viene...

leggi tutto

Notre-Dame e la Cattedrale dei volti

Di Mauro Armanino -- Sappiamo cosa sono le ceneri e le distruzioni di chiese. Il 16 e 17 gennaio del 2015 Zinder, la prima capitale del Niger e il giorno seguente Niamey, l’attuale capitale del Niger, sono state colpite dal fuoco distruttore di fanatici. Conosciamo il...

leggi tutto

Dal Mozambico

Situazione attuale, a Beira e provincia, dopo il passaggio del Ciclone IDAI. Il passaggio del Ciclone Idai, con i suoi venti che hanno raggiunto la velocitá massima compresa tra i 120 e 220 km all'ora con piogge intense, ha lasciato nella città di Beira e nei suoi...

leggi tutto

Uno strascico di distruzione

Un violento ciclone si è abbattuto su Mozambico, Malawi e Zimbabwe. E non ha ancora terminato la sua “furia distruttrice”. I danni sono altissimi: si parla di circa 200 morti, migliaia i feriti e i dispersi, le case sono crollate o gravemente danneggiate, le strade...

leggi tutto

Cosa c’è dietro la crisi venezuelana?

di Mostafa El Ayoubi -- La crisi in Venezuela si intreccia per diversi aspetti con quella che il Medio Oriente/Golfo Persico vive ormai da decenni. Queste due realtà sono sempre state al centro dei calcoli geopolitici/economici delle potenze coloniali, gli Usa in...

leggi tutto

L’Africa sotto le ali di Pechino

Maggiore partner economico dell’Africa, la Cina si sta impegnando massicciamente anche sul piano della sicurezza. Lo costatano numerosi ricercatori cinesi, africani ed europei. Ciò si spiega con l’esigenza di proteggere gli investimenti e i cittadini cinesi in Africa,...

leggi tutto

L’Africa in prima linea

Di Bruna Sironi -- Si è conclusa l’11 febbraio ad Addis Abeba la 32esima sessione ordinaria dell’assemblea generale dell’Unione Africana (UA), nella quale sono state ratificate le linee politiche del continente per l’anno in corso. La 33esima sessione si svolgerà...

leggi tutto

Ancora molta corruzione in Africa

di Marco Cochi -- Quando il primo febbraio dello scorso anno, in occasione della cerimonia d’apertura del trentesimo vertice dell’Unione africana, i leader del continente dichiararono il 2018 l’Anno africano della lotta alla corruzione, sembravano armati di ogni buona...

leggi tutto

Vince Tshisekedi

Kinshasa (Agenzia Fides) - I Vescovi della Repubblica Democratica del Congo “prendono atto dei risultati provvisori dell’elezione presidenziale” del 30 dicembre 2018, che - sottolineano - “per la prima volta nella storia recente del nostro Paese, apre la via...

leggi tutto

Congo: in attesa dei risultati

Kinshasa (Agenzia Fides) - “Congolesi rimaniamo vigilanti per non farci rubare la vittoria”. È l’appello lanciato dal Comitato Laico di Coordinamento (CLC), mentre prosegue lo spoglio delle schede elettorali delle elezioni generali tenutesi in gran parte della...

leggi tutto

Armi: Tradimento di Stato

Il 1 gennaio la Chiesa celebra la Giornata Mondiale della Pace, una pace mai come in questo momento minacciata, nell’indifferenza generale. “Il mondo sta sottovalutando il pericolo di una guerra nucleare che potrebbe condurre alla fine della civiltà umana,” ha...

leggi tutto

Buon Natale

“E’ Natale ogni volta che sorridi a un fratello e gli tendi la mano. … E’ Natale ogni volta che riconosci con umiltà i tuoi limiti e la tua debolezza. E’ Natale ogni volta che permetti al Signore di rinascere per donarlo agli altri”. (Madre Teresa di Calcutta) I...

leggi tutto

Il mensile dell’AFRICA e del MONDO NERO

ABBONATI!

REGALA UN ABBONAMENTO A UN AMICO

L’abbonamento alla rivista cartacea è di euro 35,00, GRATIS la versione digitale.

È possibile abbonarsi su www.nigrizia.it.

Per un abbonamento digitale annuo (11 numeri): euro 20,00

Per un abbonamento cartaceo annuo (11 numeri): euro 35,00

COME?

Ccp 7453383, intestato a Fondazione Nigrizia Onlus

Vicolo Pozzo, 1- 37129 Verona

oppure

Bonifico a:

Fondazione Nigrizia Onlus abbonamenti

IBAN: IT 4R 050 1812 1010 0001 2324042

BIC: CCRTIT2T84A

 

Ezechiele Ramin

E’ in corso il processo di beatificazione di p. Ezechiele Ramin, comboniano di Padova, ucciso nel 1985 in Brasile a causa del suo impegno a favore dei contadini e degli indios dell’Amazzonia. Aveva 32 anni.

Il video che ti proponiamo raccoglie le testimonianze di chi c’era e ha vissuto in prima persona quella tragica vicenda. Dietro le parole e le immagini, emergono il ritratto di una chiesa vicina alla gente e impegnata nelle grandi cause della giustizia e della fraternità; e i problemi di un paese estremamente ricco ma ancora prigioniero dell’arroganza, del privilegio e della povertà.

f

Molte forme di impegno

La missione allarga il cuore e gli orizzonti. 

Ci sono molti modi di partecipare. Conosci le esperienze e i percorsi dei laici comboniani, della nostra pastorale giovanile, del nostro impegno con gli immigrati.

UNISCITI A NOI!

Progetti

Sosteniamo progetti di aiuto alle giovani chiese.

Ci facciamo promotori di sviluppo e promozione umana in molti paesi dell’Africa, America Latina e Asia.

Anche in Europa siamo presenti nel mondo del disagio e dell’emarginazione.

Sono due i nostri canali di finanziamento: 

13 + 9 =