Comboniani in Italia

Migranti e Balcani: “Vite abbandonate” in crescita

Etiopia: primi passi per la pace in Amhara?

Internet: Abbattere il colonialismo linguistico

Congo: L’M23 marcia verso Butembo

Kenia: La protesta della Gen Z punta in alto

In primo piano

Caporalato: al via a nuova task force per contrastare il fenomeno

Satnam Singh sarà il nuovo Jerry Maslo?  Dalla sua morte, causata il 19 giugno scorso dal sistema di sfruttamento lavorativo che vessa da decenni la popolazione italiana e straniera nelle campagne, il bracciante di origine indiana ha scosso in suo nome un’ondata di...

Vita comboniana

Insieme, verso l’Arena di Pace 2026

Insieme, verso l’Arena di Pace 2026

Vorrei prima di tutto ringraziare i missionari comboniani che hanno accettato di riprendere le Arene di Pace dei Beati costruttori di pace. Abbiamo avuto subito la benedizione del vescovo di Verona don Domenico Pompili e del sindaco di Verona Damiano Tommasi. È la...

Castel d’Azzano accoglie e festeggia 50° di voti

Castel d’Azzano accoglie e festeggia 50° di voti

Il 4 maggio la comunità di Castel d'Azzano si è unita a un gruppo di confratelli che ha celebrato il 50° dei primi voti, avvenuti a Venegono Superiore (VA) il 4 maggio 1974. La scelta del posto è stata dettata soprattutto dal desiderio di coinvolgere anche alcuni...

Editoriali & Commenti

P. Teresino Serra

 Giornata Mondiale 2024 dei Nonni e degli Anziani

Nella vecchiaia non abbandonarmi (Sl 71,9)

Dio non abbandona i suoi figli, mai. Nemmeno quando l’età avanza e le forze declinano, quando i capelli imbiancano e il ruolo sociale viene meno, quando la vita diventa meno produttiva e rischia di sembrare inutile. Egli non scarta alcuna pietra, anzi, le più “vecchie” sono la base sicura sulla quale le pietre “nuove” possono appoggiarsi per costruire tutte insieme l’edificio spirituale (1 Pt 2,5).(Messaggio agli anziani di Papa Bergoglio)

L’autunno della vita

Scrive Papa Francesco:” Sono arrivato all’autunno della mia vita, ma il mio lavoro non è terminato. L’autunno è una bella stagione con i suoi colori, il suo clima, i suoi frutti, le sue albe e i suoi tramonti. L’autunno raccoglie e riceve i frutti del lavoro della primavera e dell’estate. Piante e terra, dopo aver dato i loro frutti, possono riposare in attesa della nuova primavera”. E l’anzianità é bella come l’autunno, senza negare le difficoltà del peso degli anni. “La vecchiaia non arriva mai sola”, scrisse Platone secoli fa. Con la vecchiaia spesso arrivano le malattie, si indebolisce la speranza, mancano gli orizzonti. Con la vecchiaia può arrivare il peggiore dei dolori: la solitudine. Non è facile arrivare ad essere anziani e felici allo stesso tempo. Esistono per fortuna comunità e paesi che considerano come dovere più sacro fare felici gli anziani. Credono nell’antico proverbio che dice: “beata la casa nelle cui braccia si scalda l’anziano”. Disgraziatamente non tutte le comunità sono così. A volte gli anziani si sentono parcheggiati e passano le giornate elemosinando un pò di attenzione, di ascolto, di tempo e di compagnia.
Una comunità nella quale gli anziani non sono trattati bene e con attenzione è una comunità selvaggia, E l’anzianità, che nella Bibbia è descritta come benedizione di Dio, diventa disturbo, peso, solitudine e abbandono.

La solitudine, amara compagna degli anziani

L’estate è tempo per riposare, rilassarsi, respirare aria di mare e di montagna. È tempo di musica, balli e concerti. È tempo per stare insieme spensieratamente. Ed è giusto. Le città e i paesi, specialmente il fine settimana, si svuotano. Rimangono gli anziani e gli ammalati, più soli che mai. Attenzione: potrebbero rimanere troppo soli, troppo tristi, troppo isolati. L’anzianità non è una malattia. La malattia è la solitudine. E di solitudine si muore. Ci sono anziani e ammalati, che tengono la televisione accesa tutto il giorno per sentire quella voce che fa loro compagnia. Non sono pochi gli anziani che si siedono vicino al telefono, sperando che qualche figlio o figlia, che qualche parente o una buona persona, li chiami. Spesso l’attesa dura giorni. Così la solitudine può diventare un inferno per i nostri anziani e anziane. Purtroppo la solitudine non conosce stagioni. Gli anziani e gli ammalati lo sanno bene.

Le beatitudini degli anziani

Beati quelli che sanno farmi rivivere, ascoltando i ricordi del mio passato, senza dirmi: “lo sappiamo già”. Beati coloro che non si affannano a correggere subito quello che faccio, quasi per dirmi che non so più far nulla. Beati coloro che sanno consacrarmi un po’ del loro tempo prezioso e, incontrandomi, si fermano a parlare con me. Beato chi mi guarda con affetto e mi saluta con cuore sincero. Beato chi rispetta il mio passo stanco e non mi obbliga ad andare più in fretta. Beato chi non mi rimprovera col dirmi che sto diventando più sordo, e con pazienza mi ripete le cose perché io comprenda. Beato chi, durante la Messa, si rivolge prima a me che sono anziana e ammalata, per darmi il segno di pace. Beato chi si ricorda che non rimarremo sempre giovani e che l’anzianità è una meta che ci sta aspettando.

Il ringraziamento di Papa Francesco

“La nostra gratitudine va a tutte quelle persone che, pur con tanti sacrifici, si stanno prendendo cura di un anziano o semplicemente mostrano quotidianamente la loro vicinanza a parenti o conoscenti che non hanno più nessuno. Stando vicino agli anziani, riconoscendo il ruolo insostituibile che essi hanno nella famiglia, nella società e nella Chiesa, riceveremo anche noi tanti doni, tante grazie, tante benedizioni!
In questa IV Giornata Mondiale dedicata a loro, non facciamo mancare la nostra tenerezza ai nonni e agli anziani delle nostre famiglie e comunità; visitiamo coloro che sono sfiduciati e non sperano più che un futuro diverso sia possibile. All’atteggiamento egoistico che porta allo scarto e alla solitudine, contrapponiamo il cuore aperto e il volto lieto di chi ha il coraggio di dire “non ti abbandonerò!” e di intraprendere un cammino differente”.(Dal messaggio di Papa Francesco per la giornata mondiale 2024 dei nonni e degli anziani)

Missione

Comunità e chiese attaccate

Comunità e chiese attaccate

La violenza contro popolazioni inermi, la distruzione di infrastrutture e l’insicurezza dilagano nuovamente nella provincia di Cabo Delgado, in Mozambico, dove nei giorni scorsi è stata anche incendiata la missione cattolica di Nostra Signora d’Africa a Mazeze....

Migranti

15 paesi europei premono per l’espulsione in paesi terzi

15 paesi europei premono per l’espulsione in paesi terzi

Una lettera che spinge per l’esternalizzazione delle frontiere. Una missiva inviata alla Commissione europea da 15 dei 27 paesi europei parte dell’Unione. A firmarla Italia, alcuni paesi dell’est (Bulgaria, Repubblica Ceca, Polonia, Romania), i baltici Estonia,...

A Firenze un’oasi Laudato Si

A Firenze un’oasi Laudato Si

Nella domenica in Albis, presso la casa dei Missionari Comboniani (Via Aldini, 2 – Firenze), è stata inaugurata la prima Oasi Laudato si’ della diocesi di Firenze, ma anche di tutta la Toscana. Dopo un cammino formativo sui temi dell’enciclica Laudato si’ di Papa...

GPIC

Artigiani di pace in un mondo post-moderno

Artigiani di pace in un mondo post-moderno

Marco Mascia, docente Relazioni internazionali Università di Padova ha esordito mostrando la profonda crisi della democrazia a causa dell’inadeguatezza del contenitore istituzionale e per una sorta di disaffezione dei cittadini. Riguardo al primo aspetto ha...

La sicurezza passa dai diritti, non dalle armi

La sicurezza passa dai diritti, non dalle armi

Gli esponenti di oltre 80 organizzazioni della società civile italiana si sono ritrovati oggi presso la sede di Libera a Roma per rilanciare la mobilitazione in difesa della legge 185 del 1990 che disciplina il commercio e l’export di armi italiane. Questa legge – che...

Testimoni

P. Alex Zanotelli

P. Ottavio Raimondo

P. Teresino Serra

Fr Duilio Plazzotta

P. Tonino Falaguasta

Fondazione Nigrizia


Ci hanno lasciato

P. Zanardi Silvestro

05.06.2024

P. Melato Gino

07.05.2024

Fr. Redaelli Giuseppe

27.04.2024

P. Perobelli Gabriele

27.04.2024

P. Bonomi Lodovico

14.04.2024

SEDE

Vicolo Pozzo, 1

37129 VERONA

CONTATTI

segreteria@comboniani.org

Tel: 045 8092100

SUI SOCIAL

CERCA NEL SITO

Io sono una missione su questa terra, e per questo mi trovo in questo mondo

Papa Francesco

SCRIVICI

13 + 15 =