Diciassettesimo incontro

 

Quello che sta accadendo alla nostra casa comune – Seconda parte –

 

Obiettivo:  Scoprire che una relazione ingiusta con il pianeta provoca una relazione ingiusta e di disuguaglianza tra i popoli.

 

Diciassettesimo incontro  – 5 ottobre  –  LETTURA DEL TESTO

 

«Se teniamo conto del fatto che anche l’essere umano è una creatura di questo mondo, che ha diritto a vivere e ad essere felice, e inoltre ha una speciale dignità, non possiamo tralasciare di considerare gli effetti del degrado ambientale, dell’attuale modello di sviluppo e della cultura dello scarto sulla vita delle persone». (43)

 

«Oggi riscontriamo, per esempio, la smisurata e disordinata crescita di molte città che sono diventate invivibili dal punto di vista della salute, non solo per l’inquinamento originato dalle emissioni tossiche, ma anche per il caos urbano, i problemi di trasporto e l’inquinamento visivo e acustico». (44)

 

«L’ambiente umano e l’ambiente naturale si degradano insieme, e non potremo affrontare adeguatamente il degrado ambientale, se non prestiamo attenzione alle cause che hanno attinenza con il degrado umano e sociale». […] «Tanto l’esperienza comune della vita ordinaria quanto la ricerca scientifica dimostrano che gli effetti più gravi di tutte le aggressioni ambientali li subisce la gente più povera». (48)

 

«Vorrei osservare che spesso non si ha chiara consapevolezza dei problemi che colpiscono particolarmente gli esclusi. Essi sono la maggior parte del pianeta, miliardi di persone. Oggi sono menzionati nei dibattiti politici ed economici internazionali, ma per lo più sembra che i loro problemi si pongano come un’appendice, come una questione che si aggiunga quasi per obbligo o in maniera periferica, se non li si considera un mero danno collaterale. Ma oggi non possiamo fare a meno di riconoscere che un vero approccio ecologico diventa sempre un approccio sociale, che deve integrare la giustizia nelle discussioni sull’ambiente, per ascoltare tanto il grido della terra quanto il grido dei poveri». (49)

 

Parliamone

  • Quanto profonda è la conoscenza che abbiamo della realtà?
  • Quali spazi e strumenti sono presenti nel tuo ambiente per conoscere più in profondità la realtà?

 

Dialoghiamo domandandoci: – Non abbiamo mai preso in considerazione la questione   – Ci stiamo informando attraverso letture e iniziative varie.  –  Stiamo documentandoci anche sulle dimensioni delle ingiustizie tra i popoli, tra i diversi continenti.

 

Ci documentiamo cercando siti sul tema riguardanti ciò che sta accadendo al nostro pianeta. Possiamo valorizzare:  https://www.voyagesphotosmanu.com/risorse_minerarie_africa.html  e  leggiamo www.nigrizia.it e www.combonifem.it  Leggiamo e rileggiamo i brani dei numeri riportati sopra: nn. 43-49

 

Coinvolgiamo qualche persona alla quale facciamo conoscere questi nostri incontri. E non dimentichiamo che dal primo settembre al quattro ottobre è “Il tempo del creato”.

 

A che punto siamo.  Siamo nella quarta serie dei nostri incontri.  I primi 5 sono stati su “SGUARDI DIVERSI”.

Dal 6 al 10 , su “DALLA CULTURA DELLO SCARTO ALLA CULTURA DELL’ACCOGLIENZA”.

Dal 11 al 15 su: “QUELLO  CHE STA ACCADENDO ALLA NOSTRA CASA COMUNE” (prima parte)  nn. 17-42

Dal 16 abbiamo iniziato: QUELLO  CHE STA ACCADENDO ALLA NOSTRA CASA COMUNE” (seconda parte)  nn.43-61

 

Missionari Comboniani – Troia – p. Ottavio – 0881970057  oppure 3482991309  –  oraimondo.41@gmail.com  facebook: ottavio.raimondo  – Sito: sul sito  www.comboniani.org  (Comunità Troia) troverai questo file scritto e quello parlato.

 

Chi lo desidera può sottoscrivere per sé o regalare a qualche persona amica uno dei seguenti abbonamenti;

Per Nigrizia l’abbonamento annuo cartaceo e digitale è di euro 35,00 e quello solo in versione digitale di euro 20,00  Per Combonifem il cartaceo per un anno è di euro 28,00 e il digitale di euro 14,00.

Inviateci l’indirizzo completo e f ate il versamento su uno di queswti due conti: Eccoli i riferimenti: IT52G0306909606100000105858 INTESA SANPAOLO filiale di Troia;

CCP 12031712 Missionari Comboniani – Troia  FG