LA NOSTRA PRESENZA SUL TERRITORIO

Due giornate belle sono quelle che ho vissuto a Bari l’8 e il 9  settembre. Molti incontri ma soprattutto significativi: l’incontro con Gianni e Ida che si sposeranno il 26 settembre; l’incontro con i genitori di Graziana che ho trovato sereni e fiduciosi; l’incontro con Giuseppe Latorre e con Angela Danisi dei gruppi di Lettura Popolare della Bibbia; l’incontro con Francesca e Fabrizio sempre impegnati nel cammino dei Laici Missionari Comboniani.

Abbiamo ricevuto belle notizie circa la Festa dei Popoli a Bari che è stata realizzata dall’11 al 13 settembre: “Io accolgo – conoscere – costruire – preservare”. La famiglia comboniana è stata presente unita e ha contattato diversi giovani in vista del Cammino Giovani che ormai anche a Bari si chiamerà GIM!

Motivo di gioia è pure il dopo campo over 35. Coloro che hanno partecipato continuano a impegnarsi nel proprio ambiente per dire SIAMO MISSIONE.

Difficile invece risulta la diffusione del MONDIARIO anche a causa della disposizione che i maestri e docenti non possono consegnare materiali ai ragazzi. Cosa facciamo? Eppure diffondere è importante: si tratta di materiale che aiuta i ragazzi a crescere nella mondialità, nella capacità di aprirsi al diverso!

Farò ancora un tentativo con le parrocchie …e di nuovo con gli insegnanti. Voi vedete che cosa potete fare nel vostro ambiente. Ciò che mi pesa maggiormente è perdere una opportunità di aiutare i ragazzi a crescere con spirito di mondialità, di missione.

Non ci stanchiamo e continuiamo il cammino come Gesù, con decisione!

Nel frattempo diciamo: auguri scuola. Lo diciamo alle 12 regioni che hanno iniziato il nuovo anno scolastico il 14 settembre e a quelle che lo inizieranno presto!

E, infine, domenica 13 sono stato a Orsara di Puglia ospitato in casa di Claudia una delle persone che hanno partecipato al campo over 35. Ringrazio di cuore lei e tutti i familiari.

 

Che cosa ci attende?

16 settembre – facciamo in comunità una giornata di revisione della nostra vita e dei nostri impegni, In serata un incontro in videoconferenza con gli amici di “Vida plena en Jesus” di Guadalajara in Messico sul tema: Lo Spirito nella lettura della Bibbia.

17-18 settembre ancora due giornate di incontri a Manfredonia e a San Giovanni Rotondo

19-20 settembre due giornate a Troia per corrispondenza, riflessione, incontri… e per le votazioni

21-23 settembre incontri con parrocchie e con gruppi a Foggia e dintorni

24 settembre a Troia

25 settembre a Bari per incontri

26 settembre partecipo al matrimonio di Ida e Gianni a Bitetto (BA).

27 settembre a Gioia del Colle e a Castellaneta. Celebriamo la giornata mondiale dei migranti.

28-29 settembre a Bari ci incontriamo le comunità comboniane del Sud Italia

30 settembre a Troia

Nel frattempo continuano gli impegni di presentare ogni giorno un breve riflessione in italiano e spagnolo sulle letture del giorno; ogni settimana una riflessione sul vangelo della domenica con suggerimenti per riflessioni in piccoli gruppi. Continua pure ogni lunedì una riflessione scritta e parlata su “Un anno in compagnia con la Laudato si’”. Trovate i testi in www.comboniani.org sotto comunità Troia.

Mi piacerebbe che il primo impegno del mese missionario fosse per ciascuno di noi quello di conoscere i popoli e le attività di impegno missionario soprattutto attraverso la stampa. Chi non è ancora abbonato a Nigrizia o a Combonifem sottoscriva subito l’abbonamento.  Per Nigrizia l’abbonamento annuo cartaceo e digitale è di euro 35,00 e quello solo in versione digitale di euro 20,00  Per Combonifem il cartaceo per un anno è di euro 28,00 e il digitale di euro 14,00.  I ragazzi abboniamoli a Piemme. Abbonamento annuale con Mondiario è di euro 30,00. Senza Mondiario euro 25,00 . Solo digitale online euro 10,00.

Come ormai è abitudine, allego i dati dei nostri conti da utilizzare per gli abbonamenti come anche per offerte.

Eccoli i riferimenti: IT52G0306909606100000105858 INTESA SANPAOLO filiale di Troia;

CCP 12031712 Missionari Comboniani – Troia  FG

Aiutateci ad aiutare e aiutateci per andare avanti nella nostra quotidianità. Condividiamo!

In appendice una bella testimonianza di accoglienza dal Mozambico!

 

Il vostro saluto e abbraccio mi dona gioia. E il mio cosa vi dona?        P. Ottavio

 

Appendici

Richiesta di aiuto per accogliere i rifugiati di guerra di Cabo Delgado – Mozambico

Cari amici, un caro saluto a tutti voi sperando di trovarvi bene in quest’estate e in questo tempo di pandemia mondiale. Io qui a Nampula dove accompagno la parrocchia di S. Cruz, oltre a convivere con questo coronavirus, stiamo infatti in una contaminazione comunitaria, mi trovo da maggio ad accogliere tanti rifugiati che scappano da uma zona nord del Mozambico (Cabo Delgado), per attacchi continui alla povera gente inerme e innocente. Gruppi radicali islamici saccheggiano le casa della povera gente, poi le bruciano, uccidono senza pietà, sequestrano ragazze e bambini,.. concretamente é una tragedia per questi innocenti. Tutto perché si sono scoperti grandi giacimenti  di gas e vari materiali preziosi e questo purtroppo diventa una tragedia per tante poveri che hanno la colpa di vivere in quelle terre. E’ una grande sofferenza, senza un futuro chiaro e nemmeno il governo da risposte chiare. Molti giovani militari stanno purtroppo perdendo la vita tentando di arginare queste bande armate, senza mezzi sufficienti per proteggersi e proteggere il popolo.

La Parrocchia di S. Cruz –Nampula-, dove sono, in questi ultimi mesi sta cercando di accogliere questa povera gente che cerca rifugio e accoglienza. In questo momento già sono più di 3000 arrivati nella nostra parrocchia. E’ da maggio che stiamo lottando per dare una degna accoglienza, dando loro quello che abbiamo. All’inizio abbiamo condiviso quello che era rimasto nella parrocchia, poi abbiamo chiesto aiuto ai nostri parrocchiani, poi alle nostre missionarie comboniane, alla Caritas Diocesana e alle sorelle della Carità di Madre Teresa, ed a alcune associazioni, per dare ogni settimana a quelli che arrivano un po’ di farina, fagioli, stuoie, coperte, secchi, sapone, vestiti,.. Allo stesso tempo chiediamo al Governo, di prendersi carico di questi “ crocifissi”, ma quanta fatica, sebbene si sforzi in qualche momento di aiutarci. Quando questi rifugiati di guerra arrivano, non hanno nulla da mangiare, non sanno dove andare, i loro vestiti spesso già lacerati, con ferite ai piedi e non solo, con nel cuore il dolore di aver perso tutto e  per molti anche i loro cari. Ogni settimana arrivano circa 250-300 nuovi rifugiati, molti sono bambini piccoli che arrivano denutriti e nelle piccole case dove alloggiano, si trovano anche in 20 o 30 persone, senza nessun distanziamento sociale in questo contesto di pandemia. Per questo noi Missionari Comboniani abbiamo pensato di aprire in giugno un progetto di sostegno per la prima accoglienza, sapendo che é il momento più delicato e difficile. Non vi ho chiesto prima sapendo le difficoltà che avete vissuto e che vivete con questa pandemia, ma la Carità di Gesù mi chiede di farlo per amore di questi miei fratelli. Ecco qui una proposta concreta di ciò che ci serve per dare risposta a questa emergenza umanitaria. Anche un piccolo aiuto fa la differenza. Vi ringrazio fin d’ora di tutto carissimi. Un abbraccio e una preghiera a tutti voi.       P. Davide (17 Agosto 2020) tel. 00258 – 847616331.

Ogni settimana abbiamo bisogno di questi beni di prima necessità per 250-300 rifugiati: 

50 Coperte: 3,5 euro ogni coperta                                                                        totale 175 euro

25 Sacchi di farina di 25 kg: 12 euro ognuno                                                     totale 300 euro

50 Secchi da 20 litri per lavarsi, 2 euro ognuno  mt cada                               totale 100 euro

5 Scatole di sapone da 20 pezzi , 5 euro ogni scatola                                       totale   25 euro

150 kg di Fagioli, 1 euro al Kg                                                                               totale 150 euro

75 stuoie , 2 euro ognuna                                                                                      totale 150 euro

Spesa totale per dare un po’ di accoglienza dignitosa e un po’ di cibo per una settimana 900 euro

 

Suggerimento: Ci impegniamo a inviare l’importo di un mese (4 settimane) per un totale di 3,600 euro?