N. 43 – Settembre 2020

C’È POSTA PER NOI!!!

DA APPROFONDIRE

AUGURI

2 – Marcolongo Luigi (75)

3 – Morani Carlo (74)

4 – Beltrami Gaetano (79)

4 – Felicetti Fiorenza (78)

14 – Baldo Guerrino (80)

14 – Bressani Giovanni Battista (89)

16 – Farina Giuseppe (88)

16 – Negrini Raimondo (78)

18 – Grazian Giovanni (81)

20 – Giuliani Flavio (89)

23 – Monyo Marcello Romano (53)

23 – Mwambi Karloli (56)

24 – Melato Gino (90)

24 – Zonta Mariano (73)

25 – Piazza Renzo (69)

26 – Pasinetti Carlo (91)

Inno all’Arena di Verona

di P. Pietro Moro

Dopo 73 anni, i comboniani lasciano Gozzano

Dopo 73 anni, i comboniani lasciano Gozzano

Riportiamo la notizia, come è stata diffusa dalla parrocchia Collegiata di San Giuliano, in Gozzano. "La Provincia Italiana dei Padri Comboniani, dopo un lungo periodo di riflessione e di discernimento, è giunta alla decisione di dover chiudere la casa di Gozzano per...

Avviato il processo del Capitolo 2021

Avviato il processo del Capitolo 2021

Il CG ha indetto il 19 giugno scorso, festa del Sacro Cuore di Gesù, il XIX Capitolo Generale, che si terrà a Roma dal 5 settembre al 10 ottobre 2021. Ha invitato “ciascun confratello a lasciarsi accompagnare, durante questo tempo di preparazione al XIX Capitolo...

E se fossimo noi ad affogare? Adesso Basta!

E se fossimo noi ad affogare? Adesso Basta!

Nigrizia e la Commissione giustizia e pace dei missionari comboniani sono tra i primi firmatari di una mobilitazione per dire no ai continui massacri di migranti nel Mediterraneo. Gridare tutta la nostra indignazione, metterci il nostro corpo e non solo la faccia,...

La prima volta di Afrobrix

La prima volta di Afrobrix

Dal 4 settembre al Centro Comboni di viale Venezia la prima edizione del festival multiculturale promosso dai Comboniani, dall’Associazione Centro Migranti, Miso, Collettivo Uno, Archivio delle memorie dei migranti e dall'Acec. Prende il via venerdì 4 settembre la...

Messaggio del papa per la GMM 2020

Messaggio del papa per la GMM 2020

Cari fratelli e sorelle, Desidero esprimere la mia gratitudine a Dio per l’impegno con cui in tutta la Chiesa è stato vissuto, lo scorso ottobre, il Mese Missionario Straordinario. Sono convinto che esso ha contribuito a stimolare la conversione missionaria in tante...

!º settembre

Giornata Nazionale per la Custodia del Creato

La pandemia è anche il segnale di un «mondo malato», come segnalava papa Francesco nella preghiera dello scorso 27 marzo. La scienza, provata nella sua pretesa di controllare tutto, sta ancora esplorando i meccanismi specifici che hanno portato all’emergere della pandemia. Essa appare, oltre che per ragioni sanitarie non ancora spiegate, anche come la conseguenza di un rapporto insostenibile con la Terra. L’inquinamento diffuso, le perturbazioni di tanti ecosistemi e gli inediti rapporti tra specie che esse generano possono aver favorito il sorgere della pandemia o ne hanno acutizzato le conseguenze. Questa emergenza ci rimanda, insomma, anche all’altra grande crisi: quella ambientale, che pure va affrontata con lungimiranza. Gli ultimi mesi hanno evidenziato la profondità e l’ampiezza degli effetti che il mutamento climatico sta avendo sul nostro pianeta. Se «nulla resterà come prima», anche in quest’ambito dobbiamo essere pronti a cambiamenti in profondità, per essere fedeli alla nostra vocazione di «custodi del creato».
Purtroppo, invece, troppo spesso abbiamo pensato di essere padroni e abbiamo rovinato, distrutto, inquinato, quell’armonia di viventi in cui siamo inseriti

Dal messaggio della CEI