Dodicesimo incontro

 

Quello che sta accadendo alla nostra casa comune – Prima parte –

 

Obiettivo

–   PRENDERE COSCIENZA CHE I CAMBIAMENTI CLIMATICI PASSANO ATTRAVERSO LE NOSTRE SCELTE, ALTERANDO L’AZIONE DEI PROCESSI NATURALI RISPETTO ALLA SOSTENIBILITÀ DELLA VITA UMANA, ANIMALE E VEGETALE.

La settimana scorsa siamo stati invitati a leggere dal n. 17 al n. 42 Oggi ci soffermiamo su alcuni punti i particolare. Non limitarti a leggere ma dopo aver letto cerca di esprimere i concetti con le tue parole.

 

Dodicesimo incontro –17 agosto  –  LEGGIAMO IL TESTO

 

«Il clima è un bene comune, di tutti e per tutti» (23).

«I cambiamenti climatici sono un problema globale con gravi implicazioni ambientali, sociali, economiche, distributive e politiche, e costituiscono una delle principali sfide attuali per l’umanità. Gli impatti più pesanti probabilmente ricadranno nei prossimi decenni sui Paesi in via di sviluppo. Molti poveri vivono in luoghi particolarmente colpiti da fenomeni connessi al riscaldamento, e i loro mezzi di sostentamento dipendono fortemente dalle riserve naturali e dai cosiddetti servizi dell’ecosistema, come l’agricoltura, la pesca e le risorse forestali. I cambiamenti climatici danno origine a migrazioni di animali e vegetali che non sempre possono adattarsi, e questo a sua volta intacca le risorse produttive dei più poveri, i quali pure si vedono obbligati a migrare con grande incertezza sul futuro della loro vita e dei loro figli. È tragico l’aumento dei migranti che fuggono la miseria aggravata dal degrado ambientale, i quali non sono riconosciuti come rifugiati nelle convenzioni internazionali e portano il peso della propria vita abbandonata senza alcuna tutela normativa. Purtroppo c’è una generale indifferenza di fronte a queste tragedie, che accadono tuttora in diverse parti del mondo». (25)

«Molti di coloro che detengono più risorse e potere economico o politico sembrano concentrarsi soprattutto nel mascherare i problemi o nasconderne i sintomi, cercando solo di ridurre alcuni impatti negativi di cambiamenti climatici». (26)

«Altri indicatori della situazione attuale sono legati all’esaurimento delle risorse naturali. Già si sono superati certi limiti massimi di sfruttamento del pianeta, senza che sia stato risolto il problema della povertà». (27)

«Mentre la qualità dell’acqua disponibile peggiore costantemente, in alcuni luoghi avanza la tendenza a privatizzare questa risorsa scarsa, trasformata in merce soggetta alle leggi del mercato. In realtà, l’accesso all’acqua potabile e sicura è un diritto umano essenziale, fondamentale e universale, perché determina la sopravvivenza delle  persone, e per questo è condizione per l’esercizio degli altri diritti umani. Questo mondo ha un grave debito sociale verso i poveri che non hanno accesso all’acqua potabile, perché ciò significa negare ad essi il diritto alla vita radicato nella loro inalienabile dignità». (30)

«Anche le risorse della terra vengono depredate a causa di modi di intendere l’economia e l’attività commerciale e produttiva troppo legati al risultato immediato. La perdita di foreste e boschi implica allo stesso tempo la perdita di specie che potrebbero costituire nel futuro risorse estremamente importanti, non solo per l’alimentazione, ma anche per la cura di malattie e per molteplici servizi». (32)

 

Domande:

  • Cosa ne pensi? Cerca di dire ogni numero con parole tue.
  • La mancanza di cura verso la natura, quale impatto ha su noi stessi e sugli altri?.

 

Ci soffermiamo sul tema QUELLO CHE STA ACCADENDO ALLA NOSTRA CASA COMUNE. Dialoghiamo e scriviamo:

  • Non abbiamo mai preso in considerazione la questione
  • Ci stiamo informando attraverso letture e iniziative varie.
  • Stiamo documentandoci anche sulle dimensioni delle ingiustizie tra i popoli, tra i diversi continenti.

 

Ci documentiamo cercando siti sul tema e  leggendo www.nigrizia.it e www.combonifem.it  Leggiamo e rileggiamo i brani dei numeri riportati sopra: nn. 23, 25, 26, 27, 30 e 32

 

Coinvolgiamo qualche persona alla quale facciamo conoscere questi nostri incontri.

 

Siamo nella terza serie dei nostri incontri sul tema: QUELLO  CHE STA ACCADENDO ALLA NOSTRA CASA COMUNE. (I primi 5 sono stati su “Sguardi diversi”. Quelli dal 6 al 10 , su “Dalla cultura dello scarto alla cultura dell’accoglienza”).

 

Missionari Comboniani – Troia – p. Ottavio – 0881970057  oppure 3482991309  –  oraimondo.41@gmail.com  facebook: ottavio.raimondo  – Sito: sul sito  www.comboniani.org  (Comunità Troia) troverai questo file scritto e quello parlato.

(il prossimo incontro sarà lunedì 7 settembre. Dedichiamo la seconda quindicina di agosto al campo over 35).