Giornata memorabile questo primo maggio a Castel d’Azzano. Abbiamo avuto la gioia di avere tra di noi P. Tesfaye Tadesse, Superiore Generale, che da tempo desiderava celebrare assieme a noi l’Eucarestia per fare memoria dei 20 confratelli deceduti a causa del COVID-19 nei mesi scorsi. Lo accompagnava p. Fabio Baldan, Superiore Provinciale.

In primo luogo P. Tesfaye ha inviato un messaggio ai fratelli comboniani che stavano partecipando in streaming al loro convegno annuale. E’ seguito l’incontro con la comunità durante il quale P. Tesfaye ha evidenziato i due punti salienti di questi tempi: l’impatto del COVID nella vita della congregazione (48 deceduti!) e la preparazione al Capitolo Generale che sarà rinviato di qualche mese, sempre a causa del virus.

Una panoramica sulle zone “calde” delle nostre missioni (Sud Sudan, Centrafrica, Ciad, Etiopia ed Eritrea) e sulla situazione vocazionale che fa ben sperare (sarà necessario aprire un nuovo scolasticato!) ha concluso il suo intervento.

Da parte nostra abbiamo ricordato alcuni eventi che hanno rallegrato la vita della comunità in questi ultimi giorni: i 100 anni di P. Zanoli, il 50° di sacerdozio del P. Luigi Gambin, i prossimi 70 anni di ordinazione del P. Rino Rufini.

Durante l’Eucarestia P. Tesfaye ha messo a fuoco la personalità di S. Giuseppe, partendo dagli stimoli di Papa Francesco. Ne ha ricordato l’importanza nella vita e nella spiritualità di S. Daniel Comboni e ha fatto memoria di figure significative di fratelli nella storia dell’Istituto: grandi costruttori di chiese e cattedrali, ma soprattutto di relazioni umane e professionali.

Al termine dell’Eucarestia ha consegnato il crocifisso a Fr. Umberto Martinuzzo che ha terminato il suo servizio a Castel d’Azzano e tra poco ripartirà per l’Ecuador, ricordandogli che “le opere di Dio nascono ai piedi della Croce”. P. Fabio Baldan ha ringraziato fr. Umberto per la grande mole di lavoro e di dedizione ai confratelli che ci lascia come ricordo e ha presentato la nuova sfida che lo attende: l’economato provinciale dell’Ecuador.
Auguri a Fr. Gonzales Jimenez Luis Humberto, detto Lucio che prende il suo posto e che proprio oggi inizia ufficialmente il suo compito di amministratore della comunità.
Auguri anche al P. Silvio Greggio, arrivato da poco e che oggi compie 83 anni.

A tutti è stato consegnato il “crocifisso comboniano” per ricordarci che la nostra vita è una scelta di seguire Gesù e di amare il mondo con il cuore di Gesù, per sempre.

Un cenetta frugale in serena fraternità ha concluso la serata. Grazie, P. Tesfaye e P. Fabio per il regalo della vostra presenza in questo primo maggio 2021.

p. Renzo Piazza