Il 10 ottobre, festa di San Daniele Comboni, la comunità parrocchiale e le autorità cittadine, oltre a numerosi sacerdoti, si sono stretti attorno alla comunità comboniana per l’atto conclusivo della nostra presenza a Gozzano (NO). La celebrazione è stata presieduta da p. Fabio Baldan, provinciale. Con un misto di gioia e tristezza, i presenti hanno espresso la loro gratitudine per quello che i comboniani hanno fatto in 73 anni. Al Consiglio generale è stata inoltrata richiesta di chiusura ufficiale della comunità il 31 ottobre 2020.

Negli archivi della provincia constano alcuni dati interessanti sulla nostra presenza.

Gozzano ha intorno ai 5.500 abitanti è situata in Provincia e Diocesi di Novara ed è a pochi km. dal lago di Orta, a 15 km da Arona e dal lago Maggiore.

La struttura che viene occupata era stata seminario vescovile fino alla fine del 1800. Dal 1907 al 1947 era passata ai gesuiti che la usarono come noviziato fino al 1934 e poi, fino al 1947, come casa di studi e centro di spiritualità. Dal 1940 al 1945 vi soggiornò come studente liceale anche il Card. Martini.

I comboniani ne presero possesso il 24 ottobre del 1947. In quell’anno si era voluto trasferire il noviziato da Venegono perché qui si potesse aprire lo scolasticato teologico.

Il primo comboniano ad assumere Gozzano fu P. Egidio Ramponi, che si mise subito ad avviare l’Opera che fu in seguìto l’Istituto delle Missionarie Secolari Comboniane. Fu seguito da P. Vitti.  Il primo padre Maestro fu P. Giovanni Giordani. La prima comunità era costituita da P. Giovanni Giordani, P. Ramponi, P. Vitti, P. Festa, altri 4 padri e 4 fratelli, oltre a una trentina di novizi. Fu noviziato fino al 1969, quando questo tornò a Venegono. Lì rimase un’attività giovanile che divenne l’embrione del GIM, più tardi organizzato sviluppato a Venegono

Dal 1970 ad oggi a Gozzano accolse una comunità ridotta nei numeri ma sempre significativa, sia per l’impegno nel settore giovanile che in quello pastorale e di animazione missionaria.