Il CG ha indetto il 19 giugno scorso, festa del Sacro Cuore di Gesù, il XIX Capitolo Generale, che si terrà a Roma dal 5 settembre al 10 ottobre 2021.

Ha invitato “ciascun confratello a lasciarsi accompagnare, durante questo tempo di preparazione al XIX Capitolo Generale, dalle parole di Gesù che leggiamo nel vangelo di Giovanni: lo sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto (Gv 15,5)… La nostra unione con Lui, e la sua in noi, ci rende capaci di essere missione cioè di amare Dio e i popoli che ci affida, come Lui ci ha amati”.

In questo spirito di coinvolgimento di ogni confratello deve avvenire anche il processo di preparazione, che dovrà seguire la RV (150, 1-10). Questa prevede prima un sondaggio e poi la scelta dei delegati. La provincia italiana dovrà scegliere 3 sacerdoti. Il fratello viene scelto in un processo a parte, coordinato dal segretario generale. Il superiore provinciale sarà membro di diritto e non potrà essere votato. Sondaggio ed elezione dovranno essere conclusi entro il 30 novembre 2020.

Si ricorda che il Capitolo del 1991 ha stabilito e aggiunto al n. 150.7 della Regola di Vita che: “Risultano eletti quelli che hanno ricevuto la maggioranza relativa di almeno un terzo dei voti. Quando i candidati o alcuni di essi non ottenessero la maggioranza richiesta, si ripeterà la votazione fino ad attenerla” (AC ’91 , 58.3).

Nel processo di elezione hanno voce attiva tutti i confratelli, eccetto gli esclaustrati e quelli fuori comunità, secondo quanto stabilisce la Regola di Vita al numero 160.4. Hanno voce passiva tutti i confratelli che hanno fatto i voti perpetui entro il 31 agosto 2020 (RV n. 150).

A causa del COVID-19 e delle sue conseguenze anche sui sistemi di comunicazione nel mondo, il CG ha rivisto gli obblighi imposti dal n. 150.4-8 della RV e ha stabilito che si possa organizzare il Sondaggio e raccogliere i voti di tutti i confratelli con qualunque mezzo elettronico, conservando sempre la confidenzialità. Mentre per l’ELEZIONE dei delegati rimane obbligatorio inviare il proprio voto in buste chiuse al proprio superiore provinciale/delegato.

Per questo, la prima fase, quella del Sondaggio, sarà gestita dal superiore della comunità. Distribuirà lui il materiale per la votazione a ogni confratello e ne raccoglierà i voti, che riceverà in busta chiusa. Raccolti tutti i voti, farà lo spoglio delle schede alla presenza di almeno un altro confratello e invierà i risultati per email al superiore provinciale entro il 30 settembre 2020.

L’Elezione avverrà in seguito con il metodo delle buste usato nelle ultime elezioni provinciali.

San Daniele Comboni ci illumini in questo processo che find’ora a lui affidiamo