Il sito dei comboniani in Italia

La missione come unico orizzonte

L'Africa è l'ispirazione originale

Impegno per la promozione umana, la giustizia e la pace

Intercultura, dialogo, integrazione

Apertura al futuro senza mai rinnegare il passato

Natale sotto il fango

“Non lasciateci soli!” È il grido che piú si è levato a Mariana, a un anno dal disastro ambientale. Un’azione criminosa che ha scaricato 62 milioni di metri cubi di acqua e fango addosso a vari villaggi a valle della diga di Fundão, controllata dalle imprese minerarie...

leggi tutto

CETA: Una testa dell’Idra

  “Le disuguaglianze e il riscaldamento sono le principali sfide del nostro tempo”-scrive il noto economista francese T. Piketty. Da qui la necessità di stipulare trattati internazionali che consentano di rispondere a queste sfide promuovendo un modello di...

leggi tutto

Leggi l’editoriale di Dicembre di Nigrizia

Sotto l’albero di Natale, quest’anno, troveremo anche un giocattolo rotto: la democrazia di marca occidentale. Un giocattolo molto diffuso dalla fine della Seconda guerra mondiale e che ha messo fuori mercato, globalmente, tutti gli altri modelli. Un marchio...

leggi tutto

Comboniane eleggono nuova madre generale

Oggi nella festa di San Matteo le suore comboniane hanno eletto in Capitolo generale la nuova Madre Generale sr Luigia Coccia. Era attualmente superiora provinciale del Congo. Le suore hanno commentato la scelta con le parole di San Paolo a gli Efesini: ” A ciascuno...

leggi tutto

Incontro dei Laici Missionari Comboniani in Portogallo

Giovedì 25 agosto 2016 L’Assemblea europea dei Laici Missionari Comboniani (LMC) si sta svolgendo dal 21 al 27 agosto a Viseu, casa madre dei Missionari Comboniani in Portogallo. Alla riunione partecipano 74 adulti e 22 bambini provenienti dalla Germania, Austria,...

leggi tutto

Lettera aperta dal World Social Forum 2016

La partecipazione di 16 Missionari Comboniani e Comboniane alla 12a edizione del Forum Sociale Mondiale a Montreal (9-14 agosto 2016) ha reso possibile l’incontro con tanti fratelli e sorelle da varie nazioni che perseguono il sogno di un mondo altro, alternativo a...

leggi tutto

Al Social Forum manca l’Africa

Con la terza giornata del Forum si è conclusa la fase dei seminari autogestiti. Il Comboni network, da parte sua,  ha offerto due workshop. Il primo è stato condotto in mattinata da suor Gabriella Bottani che ha trattato il tema del traffico degli esseri umani. Un...

leggi tutto

Immigrazione e famiglia comboniana in Sicialia

In queste ultime settimane il mare ha riportato, sulle spiagge libiche, corpi di migranti senza vita. Corpi che “svelano e raccontano una verità: lo sterminio in corso dei profughi, che tutti vorrebbero censurare. […] Acque dove (i migranti) vengono intercettati...

leggi tutto

Cambiare il sistema, non il clima

I lavori del 12mo Wsf sono continuati  nella seconda giornata con numerosi workshop seguendo il programma stabilito. Tra questi il seminario condotto da padre Joseph Mumbere, provinciale dei missionari comboniani nella Repubblica democratica del Congo, sul tema: Il...

leggi tutto

Cominciano le attività del Social Forum

La dodicesima edizione del Forum sociale mondiale 9-14 agosto 2016 è iniziata a Montreal con una marcia dal parco Lafontaine al centro della città con la partecipazione di circa 15 mila persone. In un ambiente festoso e multiculturale i partecipanti hanno sfilato con...

leggi tutto

Alcuni miei interventi su temi di attualità.

Giulio Albanese

Condivido con te alcune mie riflessioni

Teresino Serra

Ti invito a visitare il mio blog.

Antonio Guarino

comboniani & giovani

Fr. Alberto Degan

Fr. Alberto Degan

Nella comunità di Padova, si occupa delle attività giovanili.

Segue gruppi GIM e i campi estivi.

Fr. Antonio Soffientini

Fr. Antonio Soffientini

A Venegono segue le attività giovanili, insieme con P. Maurizio.

GIM e attività estive.

P. Maurizio Balducci

P. Maurizio Balducci

A Venegono segue, a nome della comunità, le attività giovanili.

Segue gruppi GIM e i campi estivi.

P. Alex Zanotelli

P. Alex Zanotelli

A Napoli segue varie attività, compresa quella giovanile.

GIM e attività estive.

P. Davide De Guidi

P. Davide De Guidi

A Padova segue i giovani e le attività di animazione.

GIM e attività estive.

P. Ottavio Raimondo

P. Ottavio Raimondo

A Bari lavora nell’animazione missionaria, soprattutto giovanile.

GIM e attività estive.

Guarino

P. Domenico Guarino ; Coordinatore

comboniani e immigrazione

 

Cosa fanno i comboniani?

BOA è un piccolo progetto di accoglienza per migranti richiedenti protezione internazionale.

Una boa in mezzo al mare è quella a cui tanti sono riusciti ad aggrapparsi nella disperazione, è quella che molti non hanno trovato.

Una boa è anche un passaggio importante, un punto fermo o un punto di non ritorno. Oltre quel punto cambia il vento e allora si ha bisogno di qualcuno che ci aiuti ad ammainare le vele o a spiegarle.

Non credo che noi Laici Missionari Comboniani di Venegono Superiore abbiamo pensato a tutte queste metafore quando abbiamo scelto il nome del nostro progetto nascente attraverso un improvvisato sondaggio via whattsapp. Per noi B.O.A. significa BustOcchi Aperti. Perché molti di noi, per forza o per amore, sono Bustocchi (abitanti di Busto Arsizio, provincia di Varese). Perché vogliamo stare attenti a ciò che accade sul nostro territorio e perché vogliamo essere aperti a ciò che il mondo ci sta chiedendo.

Il progetto prende forma nel cuore dell’associazione Combinazione a partire dal 2015. CombInAzione (che sta per Comboniani laici In Azione) è l’associazione attraverso cui opera il gruppo di Laici Missionari Comboniani di Venegono Superiore (VA). In questi anni ci siamo occupati prevalentemente di animazione missionaria e sostegno a progetti di missione. Ultimamente, in parte interrogati da ciò che sta accadendo sul nostro territorio, abbiamo deciso che era il momento di fare scelte che avessero più impatto sulle nostre vite e poi anche sul territorio.

Così, venuti a conoscenza di un appartamento di proprietà dei Missionari Comboniani e non utilizzato sul territorio di Busto Arsizio, abbiamo deciso di avviare un progetto di accoglienza per migranti richiedenti protezione internazionale.

Abbiamo quindi chiesto ai Comboniani l’appartamento in comodato d’uso gratuito e poi abbiamo effettuato alcuni lavori per sistemare l’abitazione. Contestualmente abbiamo inoltrato una manifestazione di interesse alla prefettura di Varese in cui ci rendevamo disponibili ad accogliere, in base alle caratteristiche dell’appartamento, sei migranti richiedenti protezione internazionale. In altre parole ci siamo costituiti come C.A.S (Centro di Accoglienza Straordinario) con la peculiarità, anzi l’unicità nella provincia di Varese, di essere una ONLUS e non una cooperativa.

Questa all’inizio è stata una difficoltà dal punto di vista burocratico e amministrativo sia per la prefettura che non riusciva a riconoscerci ed inquadrarci, sia per noi che siamo sostanzialmente tutti volontari senza BOA è un piccolo progetto di accoglienza per migranti richiedenti protezione internazionale.

Una boa in mezzo al mare è quella a cui tanti sono riusciti ad aggrapparsi nella disperazione, è quella che molti non hanno trovato.

Una boa è anche un passaggio importante, un punto fermo o un punto di non ritorno. Oltre quel punto cambia il vento e allora si ha bisogno di qualcuno che ci aiuti ad ammainare le vele o a spiegarle.

Non credo che noi Laici Missionari Comboniani di Venegono Superiore abbiamo pensato a tutte queste metafore quando abbiamo scelto il nome del nostro progetto nascente attraverso un improvvisato sondaggio via whattsapp. Per noi B.O.A. significa BustOcchi Aperti. Perché molti di noi, per forza o per amore,

sono Bustocchi (abitanti di Busto Arsizio, provincia di Varese). Perché vogliamo stare attenti a ciò che accade sul nostro territorio e perché vogliamo essere aperti a ciò che il mondo ci sta chiedendo.

 

Pensiamo a quei nostri fratelli Rohingya che sono stati cacciati via da un Paese, da un altro, da un altro. Vanno sul mare, quando arrivano a un porto, a una spiaggia, gli danno un po’ d’acqua, un po’ da mangiare e li cacciano via. Questo è un conflitto non risolto, questa è guerra, questo si chiama violenza, si chiama uccidere. (Papa Francesco)

Il fenomeno migratorio, in tutta la sua ampiezza e nel suo carattere, per così dire, epocale, dobbiamo ora affrontarlo con uno sguardo politico serio e responsabile, che coinvolga tutti i livelli: globale, continentale, di macro-regioni, di rapporti tra nazioni, fino al livello nazionale e locale. (Papa Francesco)

Servire, accompagnare, difendere: cioè mettersi dalla parte di chi è più debole. Quante volte leviamo la voce per difendere i nostri diritti, ma quante volte siamo indifferenti verso i diritti degli altri! Quante volte non sappiamo o non vogliamo dare voce alla voce di chi – come voi – ha sofferto e soffre, di chi ha visto calpestare i propri diritti, di chi ha vissuto tanta violenza che ha soffocato anche il desiderio di avere giustizia! (Papa Francesco)

Robol

P. Massimo Robol – Coordinatore

 

comboniani e laici

 

I Laici Missionari Comboniani sono gruppi che si riuniscono all’interno della famiglia comboniana per vivere il carisma di San Daniele Comboni nel loro ambiente o in periodi prolungati di servizio missionario fuori dall’Italia. Coltivano la spiritualità comboniana e condividono con comboniani e comboniane scelte di vita e prospettive missionarie.

Entra in contatto

5 + 10 =