apr 21

A Pasqua, da papa Francesco una grande preghiera per la pace

Siria, Iraq, Nigeria, Sud Sudan, Repubblica Centrafricana, Ucraina, Venezuela. “In ogni situazione umana, segnata dalla fragilità, dal peccato e dalla morte, la Buona Notizia non è soltanto una parola, ma è una testimonianza di amore gratuito e fedele: è uscire da sé per andare incontro all’altro”.

Leggi tutto »

Permanent link to this article: http://www.comboniani.org/?p=12905

apr 15

Padre Frans van der Lugt, ancora un testimone


di Fady Noun (AsiaNews.it)

Celebrata a Beirut una messa di suffragio per il sacerdote ucciso a Homs. Messaggio del superiore dei gesuiti: “Padre Frans resta un uomo di riconciliazione tra generazioni, tra comunità, tra cristiani e musulmani, tra tendenze culturali e politiche”.

Leggi tutto »

Permanent link to this article: http://www.comboniani.org/?p=12881

apr 03

“IN PIEDI, COSTRUTTORI DI PACE!”

di Alex Zanotelli

 

Così aveva gridato nell’Arena del 1989, il vescovo di Molfetta, Tonino Bello. E’ stato questo il leitmotiv delle Arene di Pace , promosse negli anni ottanta e novanta dai Beati i Costruttori di Pace. Leggi tutto »

Permanent link to this article: http://www.comboniani.org/?p=12847

mar 28

La nostra quota di irresponsabilità

Pubblicati i dati Istat sulle esportazioni di armi leggere del Bresciano nel 2013. Verso l’Africa sono aumentate del 36%. Egitto e Kenya i paesi che comprano di più il made in Italy della provincia lombarda. L’analisi dell’Osservatorio permanente sulle armi leggere di Brescia (Opal). (da Nigrizia)
Leggi tutto »

Permanent link to this article: http://www.comboniani.org/?p=12832

mar 17

Il Centrafrica riparte?

“Da una settimana la situazione è decisamente più calma e la vita sta riprendendo il suo corso regolarmente. Mercati e attività commerciali lavorano a pieno regime. In più scuole i bambini sono tornati a studiare e i funzionari sono operativi in alcune amministrazioni. Ieri gli studenti hanno manifestato per chiedere il pagamento di due mesi di borse di studio”: a raccontare di un lento ritorno alla normalità nella martoriata Bangui sono fonti della Conferenza episcopale del Centrafrica. Per le strade della capitale pattugliano, ma solo di giorno, soldati africani della Misca, militari francesi di Sangaris assieme a gendarmi e poliziotti centrafricani, in tutto 750 uomini. Focolaio di tensioni e teatro di instabilità è ancora il quartiere al chilometro 5, dove un numero imprecisato di musulmani è asserragliato in una moschea e deve ancora essere disarmato. Leggi tutto »

Permanent link to this article: http://www.comboniani.org/?p=12826

Post precedenti «

email listsworldbookies